Visualizzazione 10 post con tag saggistica Mostra tutti i post

La fabbrica del consenso noam chomsky, edward s. herman

la fabbrica del consenso, noam chomsky, edward s. herman

Non tutti i media sono indipendenti. 
Non tutti i giornalisti sono imparziali. 
Non tutte le vittime sono uguali. 

Mi sono imbattuto in Noam Chomsky ai tempi dell’università, durante il corso di Fondamenti dell’Informatica: le sue grammatiche mi tennero occupato per diverso tempo, tra incubi e mal di testa! 

Chomsky però non è solo un linguista che ha contribuito in modo importante agli sviluppi della moderna Informatica ma è anche filosofo, storico, teorico della comunicazione, attivista politico e saggista. La fabbrica del consenso, scritto a quattro mani con Edward S. Herman, è probabilmente la sua opera più conosciuta.

continua a leggere

La banalità del male: Eichmann a Gerusalemme Hannah Arendt

la banalità del male: eichmann a gerusalemme, hannah arendt

Mese dopo mese vedo che la saggistica si sta guadagnando sempre più spazio tra le mie letture e non posso che esserne contento! 

L’ultima, cronologicamente parlando, è stata La banalità del male della giornalista Hannah Arendt, resoconto, originariamente pubblicato tra le colonne del The New Yorker, del processo ad Adolf Eichmann, gerarca nazista fuggito in Argentina dopo la fine della seconda guerra mondiale e scampato quindi al processo di Norimberga.

continua a leggere

111 errori di traduzione che hanno cambiato il mondo Romolo Giovanni Capuano

111 errori di traduzione che hanno cambiato il mondo, romolo giovanni capuano

Trovo che quello della traduzione sia un mestiere affascinante a cui purtroppo raramente viene dato il giusto credito. 

Senza la figura del traduttore avrei letto forse un decimo dei libri che ho nella mia libreria e moltissimi dei grandi autori che adoro (penso a Saramago, Nabokov, Zamjatin, Kafka, etc.) mi sarebbero completamente preclusi: è già tanto se leggo in inglese, figuriamoci in portoghese, russo o tedesco!

continua a leggere

Il dilemma dell'onnivoro Michael Pollan

il dilemma dell’onnivoro, michael pollan

Oggi molti si accontentano di mangiare senza pensare: questo libro non fa per loro, perché leggendolo si rovinerebbero l'appetito.

Michael Pollan, Il dilemma dell'onnivoro 

Il dilemma dell’onnivoro è un libro-inchiesta che cerca di rispondere a una domanda (apparentemente) banale: che cosa mangiamo e perché? 

Paradossalmente la risposta a una domanda così importante non è affatto semplice…

continua a leggere

Allucinazioni Oliver Sacks

allucinazioni, oliver sacks

Non ricordo chi, ai tempi dell’università, mi parlò di questo libro ma ricordo che ne rimasi molto colpito. Ci rimasi un po’ male invece quando, tempo dopo, vidi il prezzo dell’ebook: 12.90€, per quanto mi riguarda decisamente troppi per un libro digitale! Non era una lettura così urgente così lo accantonai per mesi, finché non apparve in offerta sul Kindle Store (a 0.99€ è già un altro discorso…) 

Iniziò così il mio viaggio nel mondo della saggistica, al tempo per me ancora inesplorato: Allucinazioni infatti è un libro che ho letto più di un anno fa e la cui recensione è rimasta nelle bozze per troppo tempo! 

continua a leggere

Il Tao della fisica Fritjof Capra

il tao della fisica, fritjof capra

Cos’hanno in comune la fisica moderna e le antiche filosofie mistico-religiose dell’estremo oriente? Se mi avessero fatto questa domanda qualche mese fa avrei risposto con sicurezza “niente!“ 

Ora, dopo aver passato due mesi abbondanti su questo saggio, la mia risposta sarebbe radicalmente diversa. 

Non sapevo cosa aspettarmi da questo libro: l’argomento trattato mi incuriosiva e l’amico che me lo ha regalato non faceva che parlarmene in modo estatico, temevo però che si trattasse di fuffa new age. Il curriculum dell’autore mi ha tranquillizzato: Fritjof Capra è un fisico che ha condotto ricerche nel campo della fisica delle particelle e della fisica quantistica ed è più che qualificato per parlare di questi argomenti. Là dove l’ignoranza l’avrebbe fermato si è avvalso di esperti del pensiero mistico e Il Tao della fisica è il risultato di questa “sintesi” fisico-filosofica.

continua a leggere

Collasso. Come le società scelgono di morire o vivere Jared Diamond

collasso. come le società scelgono di morire o vivere, jared diamond

Oggi la gran parte di noi occidentali può permettersi di condurre un'esistenza piena di sprechi. Ma in questo modo dimentichiamo che le nostre condizioni sono soggette a fluttuazioni e che potremmo non essere in grado di anticipare quando il vento cambierà. A quel punto saremo ormai troppo abituati a uno stile di vita dispendioso, per cui le uniche vie d'uscita potranno essere una drastica riduzione del nostro tenore di vita o la bancarotta. 

Jared Diamond, Collasso. Come le società scelgono di morire o vivere 

Dopo aver studiato perché popoli di continenti diversi abbiano avuto tassi di sviluppo tanto differenti e come questo abbia influito sulla nascita delle società, Jared Diamond si è posto anche la domanda complementare: cosa provoca invece la morte di una società?

continua a leggere

Le isole del tesoro. Viaggio nei paradisi fiscali dove è nascosto il tesoro della globalizzazione Nicholas Shaxson

le isole del tesoro. viaggio nei paradisi fiscali dove è nascosto il tesoro della globalizzazione, nicholas shaxson

Dopo aver colonizzato i sistemi economici e politici dei grandi stati nazionali in cui vive la maggior parte della popolazione mondiale, la finanza offshore ha finito anche per infestare il nostro modo di pensare. […] Quando il musicista irlandese Bono, per anni uno dei più illustri militanti contro la povertà nel mondo, trasferisce i suoi affari finanziari in un centro offshore come i Paesi Bassi per sottrarsi al fisco, e nonostante questo viene accolto calorosamente nella società, la battaglia sembra ormai persa. 

Nicholas Shaxson, Le isole del tesoro. Viaggio nei paradisi fiscali dove è nascosto il tesoro della globalizzazione 

Nicholas Shaxson è un giornalista e scrittore inglese che collabora attivamente con la Tax Justice Network, un gruppo di pressione che ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sugli effetti nocivi dell’evasione fiscale, dei paradisi fiscali e della competizione fiscale tra gli stati. Non sono argomenti che mi appassionano particolarmente ma questo saggio è riuscito ad attirare la mia attenzione, a incuriosirmi e (soprattutto) a disgustarmi.

continua a leggere

Armi, acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni Jared Diamond

armi, acciaio e malattie. breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni, jared diamond

Perché la ricchezza e il potere sono distribuiti in questo modo? Perché, a esempio, gli aborigeni australiani non si sono messi a un certo punto a massacrare e conquistare gli europei o i giapponesi? 

Jared Diamond, Armi, acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni 

Nelle scuole, salvo qualche eccezione, la storia è principalmente un elenco di date e avvenimenti in cui i fatti del passato vengono semplicemente raccontati anziché spiegati e le interrogazioni sono una semplice ripetizione a pappagallo della lezione precedente. Questo mi urta parecchio perché ritengo che lo studio della storia sia di fondamentale importanza per capire molti perché del mondo di oggi. A tale scopo il libro di Diamond può essere molto utile.

continua a leggere

Breve storia di (quasi) tutto Bill Bryson

breve storia di (quasi) tutto, bill bryson

Quest’estate avevo voglia di leggere qualcosa di diverso dal solito e così ho provato ad approcciarmi alla saggistica. L’ho fatto con due saggi abbastanza diversi tra loro: Allucinazioni di Oliver Sacks e Breve storia di (quasi) tutto di Bill Bryson. Proprio su quest’ultimo avevo scritto una piccola recensione su Goodreads, recensione che ora trasferisco qui, cogliendo l’occasione per arricchirla. 

Si tratta di un saggio leggermente ambizioso: cinquecento pagine per raccontare la storia dell’universo dal Big Bang a oggi. Ed è ancora più ambizioso se si pensa che l’autore, per sua stessa ammissione, non è uno scienziato né un esperto di scienza. Sapendo socraticamente di non sapere e spinto da una curiosità quasi fanciullesca Bryson ha quindi girato mezzo mondo intervistando studiosi e scienziati di quasi ogni campo del sapere umano. Il risultato è questa breve storia di (quasi) tutto.

continua a leggere

Chi siamo

Foto Alessandro

Alessandro

Programmatore back-end, la lettura e la musica sono le mie passioni. Scrittori preferiti Saramago e Poe, in fissa con Pink Floyd, Opeth, iamthemorning e Schammasch.

Foto Elisa

Elisa

Fotografa per passione, adoro passeggiare in mezza alla natura con la mia reflex e scattare un sacco di foto a luoghi e paesaggi. Oltre che leggere ovviamente!

in lettura

alessandro

elisa

Supportaci

Ti senti generoso/a? Offrici un caffè oppure fai i tuoi acquisti su Amazon partendo da un nostro link!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.