Visualizzazione 11 post con tag letteratura nordamericana Mostra tutti i post

L'incubo di Hill House shirley jackson

l’incubo di hill house, shirley jackson

L’incubo di Hill House è un altro di quei romanzi che volevo leggere da un sacco di tempo ma che per un motivo o per l’altro non mi decidevo mai a fare. Ripensandoci un attimo, il motivo in realtà è quello solito: prima di comprare nuovi libri vorrei/dovrei leggere quelli già comprati (e che aspettano il loro turno da mesi, se non addirittura da anni!) 

Alla fine ci ha pensato Elisa a sbloccare questa impasse, regalandomelo (per leggerselo prima lei però!)

continua a leggere

Moby Dick Herman Melville

moby dick, herman melville

Dopo una luuunga “pausa” è il momento di tornare a parlare di libri! 

Uno degli ultimi che ho letto è Moby Dick, romanzo che credo non abbia bisogno di particolari presentazioni: è una di quelle opere che tutti (ma proprio tutti) in qualche modo conoscono (quando ero bambino mio padre me ne raccontava una versione tutta sua, di cui ora però ho solo qualche vaghissimo ricordo). 

Qualche mese fa, “forte” di questi miei ricordi di fanciullo affamato di storie “da grandi”, mi sono avvicinato con (troppo?) entusiasmo a questo classico della letteratura (e chi mi segue da tempo sa bene quanto io adori i classici) ma il risultato è stato… “strano”.

continua a leggere

The Yellow Wall-Paper Charlotte Perkins Gilman

the yellow wall-paper, charlotte perkins gilman

There are things in that wallpaper that nobody knows about but me, or ever will. 

Charlotte Perkins Gilman, The Yellow Wall-Paper 

Questo volumetto contiene una selezione di racconti di Charlotte Perkins Gilman (1860-1935), autrice statunitense che ho scoperto solo di recente, grazie a Goodreads. 

Scrittrice impegnata, fu anche sociologa, saggista e, soprattutto, un’importante esponente del movimento femminista americano. E proprio il femminismo è un tema importante dei suoi racconti.

continua a leggere

Tenera è la notte Francis Scott Fitzgerald

tenera è la notte, francis scott fitzgerald

La guardia più forte è posta ai cancelli del nulla. Forse perché la condizione di vuoto è troppo vergognosa per venir divulgata.

Francis Scott Fitzgerald, Tenera è la notte 

Tenera è la notte è probabilmente l’opera più ambiziosa e sofisticata di Francis Scott Fitzgerald, opera a cui lavorò per quasi un decennio tra riscritture e problemi personali e che ebbe successivamente diversi rimaneggiamenti più o meno ufficiali. 

Il romanzo si presenta in modo volutamente caotico e confuso e questo lo rende, almeno inizialmente, difficile da seguire.

continua a leggere

Giro di vite Henry James

giro di vite, henry james

Eravamo rimasti seduti accanto al camino col fiato sospeso a sentire il racconto ma, a parte il fatto che era semplicemente agghiacciante, così come dovrebbe esserlo ogni racconto fuori dall'ordinario che sia oggetto di una narrazione la vigilia di Natale in un'antica e vetusta magione, non ricordo di alcun commento particolare finché qualcuno fece rilevare che si trattava dell'unico caso in cui una esperienza di questo tipo era occorsa a un bambino. 

Henry James, Giro di vite, INCIPIT 

Semplice storia di fantasmi o qualcosa di più? Impossibile dirlo con sicurezza: pagina dopo pagina Giro di vite distrugge e fa a pezzi ogni nostra certezza, inganna i nostri sensi e ci lascia con uno dei finali più controversi e discussi della storia della letteratura!

continua a leggere

La leggenda di Sleepy Hollow Washington Irving

la leggenda di sleepy hollow, washington irving

La storia di Sleepy Hollow probabilmente è più nota al grande pubblico per il film di Tim Burton con Johnny Depp che per l’originale racconto di Washington Irving

Non che questo sia un problema, sia chiaro, ci sono un sacco di opere di cui il grande pubblico ignora l’origine letteraria (mi vengono in mente le avventure di Arsène Lupin, quanti sanno che sono uscite dalla penna di Maurice Leblanc oltre un secolo fa?) In questo caso però la situazione è un po’ sfuggita di mano e il film ha contribuito in maniera impressionante a ingigantire, nell’immaginario comune, il mito di Sleepy Hollow: le due Sleepy Hollow (quella cinematografica e quella letteraria) infatti sono così diverse (sia come significato che come contenuto) che chi si approccia al racconto incuriosito dal film lo fa con tali aspettative da rimanerne spesso tremendamente deluso.

continua a leggere

I capelli di Harold Roux Thomas Williams

i capelli di harold roux, thomas williams

I capelli di Harold Roux è il libro con cui nel 1975 Thomas Williams vinse il National Book Award, il massimo premio letterario americano (battendo in finale, tra gli altri, Philip Roth e Vladimir Nabokov). Nonostante l’importante riconoscimento ottenuto oltreoceano la prima edizione italiana è stata pubblicata solo di recente ed è grazie a Fazi Editore che oggi è possibile riscoprire questo autore! 

Innanzitutto questo non è un romanzo “normale” ma un (riuscitissimo) esperimento di metaromanzo e come tale si porta dietro un complicato intreccio di storie annidate (e parallele, in un certo senso).

continua a leggere

La lotteria Shirley Jackson

la lotteria, shirley jackson

La mattina del 27 giugno era limpida e assolata, con un bel caldo da piena estate; i fiori sbocciavano a profusione e l'erba era di un verde smagliante. La gente del villaggio cominciò a radunarsi in piazza, fra l'ufficio postale e la banca, verso le dieci. In alcune città, dato il gran numero di abitanti, la lotteria durava due giorni, e bisognava cominciare addirittura il 26; ma in questo villaggio di trecento anime o giù di lì bastavano meno di due ore. Si poteva iniziare alle dieci del mattino e finire in tempo per il pranzo. 

Shirley Jackson, La lotteria, INCIPIT 

Era da parecchio tempo che volevo leggere qualcosa di Shirley Jackson e finalmente, complici i recenti sconti su alcuni ebook Adelphi, il momento è arrivato. 

Per questa mia iniziazione ho quindi deciso di partire da La lotteria.

continua a leggere

Zia Mame Patrick Dennis

zia mame, patrick dennis

Avrei presto scoperto che per «mattino» zia Mame intendeva l'una del pomeriggio. Le undici erano «mattino presto», mentre le nove corrispondevano a «notte fonda». 

Patrick Dennis, Zia Mame 

Un libro leggero, divertentissimo ma assolutamente non banale, ecco come potrei descrivere Zia Mame in poche parole! 

Il romanzo è una sequenza di episodi raccontati in prima persona proprio da Patrick Dennis (una sorta di alter ego dello scrittore, al secolo Edward Everett Tanner III) che hanno come protagonista indiscussa la sua ricca ed eccentrica zia, Mame Dennis, alla quale (nella finzione letteraria) viene affidato alla morte del padre, stroncato da un infarto quando Patrick aveva solo dieci anni.

continua a leggere

Il giovane Holden J.D. Salinger

il giovane holden, j.d. salinger

«Sa le anatre che stanno in quello stagno vicino a Central Park South? Mi saprebbe dire per caso dove vanno le anatre quando il lago gela?» 

J.D. Salinger, Il giovane Holden 

Ho finito di leggere Il giovane Holden da qualche giorno e sto facendo fatica a farmi un’idea precisa su questo libro. Per dire, non so ancora se mi sia piaciuto o meno! O meglio, la lettura è stata senz’altro piacevole ma arrivato alla fine mi ha lasciato un po’ così… 

Ne avevo sentito parlare gran bene praticamente da chiunque e così alla prima occasione, incuriosito, me lo sono procurato. Com’è logico immaginare le mie aspettative sul romanzo erano molto alte e la paura di non esserne all’altezza è stata una presenza costante anche durante la lettura.

continua a leggere

Chi siamo

Foto Alessandro

Alessandro

Programmatore back-end, la lettura e la musica sono le mie passioni. Scrittori preferiti Saramago e Poe, in fissa con Pink Floyd, Opeth, iamthemorning e Schammasch.

Foto Elisa

Elisa

Fotografa per passione, adoro passeggiare in mezza alla natura con la mia reflex e scattare un sacco di foto a luoghi e paesaggi. Oltre che leggere ovviamente!

in lettura

alessandro

elisa

Supportaci

Ti senti generoso/a? Offrici un caffè oppure fai i tuoi acquisti su Amazon partendo da un nostro link!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.