Collasso: come le società scelgono di morire o vivere, Jared Diamond 15 novembre 2015
Collasso: come le società scelgono di morire o vivere, Jared Diamond Acquista online

Oggi la gran parte di noi occidentali può permettersi di condurre un’esistenza piena di sprechi. Ma in questo modo dimentichiamo che le nostre condizioni sono soggette a fluttuazioni e che potremmo non essere in grado di anticipare quando il vento cambierà. A quel punto saremo ormai troppo abituati a uno stile di vita dispendioso, per cui le uniche vie d’uscita potranno essere una drastica riduzione del nostro tenore di vita o la bancarotta. 

Dopo aver studiato perché popoli di continenti diversi abbiano avuto tassi di sviluppo tanto differenti e come questo abbia influito sulla nascita delle società, Jared Diamond si è posto anche la domanda complementare: cosa provoca invece la morte di una società?

Come mi aspettavo è stata una lettura davvero interessante e Diamond si conferma un ottimo divulgatore. I temi trattati non sono proprio allegri ma l’autore ne parla con amara professionalità, senza gettarsi sul facile catastrofismo da quattro soldi (quello lasciamolo a Giacobbo e ai suoi “libri” sulla fine del mondo) e senza perdere mai di vista il suo obiettivo: isolare e comprendere le motivazioni dietro al collasso delle società del passato per evitare che il loro tragico destino diventi anche il nostro.

All’analisi delle società del passato (Maya, isola di Pasqua, coloni vichinghi in Groelandia, ecc.) è dedicata buona parte del libro ed è anche la parte più ricca e interessante. Non sempre sono a disposizione fonti scritte e qui brilla l’accurato (e mastodontico) lavoro di incrocio di dati e conoscenze già acquisite tramite altre ricerche (molto ricca la bibliografia). A questo seguono alcuni capitoli relativi a esempi più moderni ma non per questo più noti al grande pubblico (Haiti, Ruanda, l’occidentalizzazione della Cina).

Alla luce di quanto emerge in queste pagine viene naturale chiedersi che ne sarà di noi nei prossimi decenni: sovrappopolazione, esaurimento delle risorse naturali, cambiamenti climatici… il futuro non sembra poi così roseo ed è davvero inquietante rendersi conto di quanto sia fragile l’equilibrio che ci separa dal disastro.

Dopo aver letto questo libro sarà difficile guardare il mondo allo stesso modo e una certa preoccupazione verso quello che sarà il nostro futuro è la reazione più naturale a questo saggio, così come l’improvvisa voglia di cambiare pianeta al più presto. Purtroppo questo ancora non è possibile :D

Come dicevo sopra però Diamond non è un catastrofista e non crede che l’umanità sia sull’orlo del collasso, non ancora per lo meno. Noi, popolo del ventunesimo secolo, abbiamo infatti un grosso vantaggio rispetto a quelle popolazioni che oggi non ci sono più: possediamo consapevolezza del nostro passato. Questo in teoria… a me pare invece che a molti certe cose entrino da un orecchio ed escano dall’altro dopo aver attraversato il nulla cosmico.

«[…] Abbiamo dunque l’opportunità di imparare dagli errori commessi da popoli distanti da noi nel tempo e nello spazio. Nessun’altra società ha mai avuto questo privilegio. Ho scritto questo libro nella speranza che un numero sufficiente di noi scelga di approfittarne.»

Per il futuro nostro e dei nostri figli, Collasso. Come le società scelgono di morire o vivere è un libro che dovrebbe essere letto (e capito) dal maggior numero possibile di persone.

Pubblicato da Alessandro

Hai qualcosa da dire? Fatti avanti, la tua opinione ci interessa!

Chi siamo

Alessandro

Programmatore back-end, la lettura e la musica sono le mie passioni.

Scrittori preferiti Saramago, Poe e P.K. Dick; ossessionato da Pink Floyd, Opeth, iamthemorning e Schammasch (e troppi altri!)

Visualizza profilo completo

Elisa

Fotografa per passione, adoro passeggiare in mezza alla natura con la mia reflex e scattare un sacco di foto a luoghi e paesaggi. Oltre che leggere ovviamente!

Visualizza profilo completo

In lettura

Alessandro

Elisa

Supportaci

Ti senti generoso/a?
Offrici un caffè oppure fai i tuoi acquisti su Amazon partendo da un nostro link affiliato!

Scopri di più

General Data Protection Regulation

Modifica preferenze

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Tutti i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.