Armi, acciaio e malattie: breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni, Jared Diamond 1 marzo 2015
Armi, acciaio e malattie: breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni, Jared Diamond Acquista online

Perché la ricchezza e il potere sono distribuiti in questo modo? Perché, a esempio, gli aborigeni australiani non si sono messi a un certo punto a massacrare e conquistare gli europei o i giapponesi? 

Nelle scuole, salvo qualche eccezione, la storia è principalmente un elenco di date e avvenimenti in cui i fatti del passato vengono semplicemente raccontati anziché spiegati e le interrogazioni sono una semplice ripetizione a pappagallo della lezione precedente. Questo mi urta parecchio perché ritengo che lo studio della storia sia di fondamentale importanza per capire molti perché del mondo di oggi. A tale scopo il libro di Diamond può essere molto utile.

La domanda da cui parte Diamond però non è esattamente quella che ci si potrebbe aspettare da un saggio che promette di spiegare la breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni. Tutto infatti parte da qui:

Perché l’umanità ha conosciuto tassi di sviluppo così diversi nei vari continenti?

A prima vista è una domanda “bizzarra” che poco sembra c’entrare con la storia ma, nelle oltre quattrocento pagine di Armi, acciaio e malattie, il suo significato sarà perfettamente chiaro.

È anche una domanda delicata perché spesso la risposta tira in ballo bislacche teorie sulla superiorità innata degli europei (o di “razze” specifiche) sul resto del mondo. Queste teorie non sono solo discriminatorie e offensive nei confronti degli altri popoli ma sono anche prive di qualsiasi validità scientifica. Diamond, da bravo divulgatore scientifico, respinge queste “teorie” per andare alla ricerca di una spiegazione razionale della storia dell’umanità.

Ecco dunque il contenuto di Armi, acciaio e malattie: una teoria, frutto di anni di ricerche e studi in varie discipline quali l’archeologia, l’antropologia, la biologia molecolare, l’epidemiologia, la genetica, la linguistica e le scienze sociali, che cerca di spiegare come l’umanità è giunta a essere quello che è ora.

I dati a sostegno della tesi di Diamond non mancano, così come non mancano esempi concreti (presi anche dalla storia recente). Se poi c’è una cosa a cui l’autore pare affezionato è il ripetere le cose (forse troppo!) e questo alla lunga aiuta a ricordare i concetti chiave.

È stata una lettura molto interessante, diversa dal solito. Diamond non ha la pretesa di essere il possessore della verità ma la tesi esposta in Armi, acciaio e malattie è sensata e risponde davvero alla domanda impressa pochi paragrafi qui sopra. Consigliato agli appassionati di scienza ma anche a semplici curiosi che cercano una lettura (relativamente) leggera con cui avvicinarsi all’argomento.

Pubblicato da Alessandro

Hai qualcosa da dire? Fatti avanti, la tua opinione ci interessa!

Chi siamo

Alessandro

Programmatore back-end, la lettura e la musica sono le mie passioni.

Scrittori preferiti Saramago, Poe e P.K. Dick; ossessionato da Pink Floyd, Opeth, iamthemorning e Schammasch (e troppi altri!)

Visualizza profilo completo

Elisa

Fotografa per passione, adoro passeggiare in mezza alla natura con la mia reflex e scattare un sacco di foto a luoghi e paesaggi. Oltre che leggere ovviamente!

Visualizza profilo completo

In lettura

Alessandro

Elisa

Supportaci

Ti senti generoso/a?
Offrici un caffè oppure fai i tuoi acquisti su Amazon partendo da un nostro link affiliato!

Scopri di più

General Data Protection Regulation

Modifica preferenze

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Tutti i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.