Senza nome Wilkie Collins

senza nome, wilkie collins

Senza nome è il secondo romanzo di Collins che leggo ed è stato il mio libro da ombrellone di queste ultime vacanze (a colpo d’occhio era la cosa più “leggera” che in quel momento avevo sul Kindle!) 

Pubblicato a puntate su All the Year Round, la rivista di Charles Dickens, Senza nome è un romanzo intricato e ricco di misteri, con colpi di scena che si susseguono senza sosta nella migliore tradizione dei feuilleton: era necessario tenere alto l’interesse dei lettori per trainare le vendite della rivista e una storia di complotti e misteri era perfetta allo scopo e molto apprezzata dal pubblico vittoriano!

continua a leggere

The Call of the Wretched Sea Ahab

Settima puntata di musicalmente tratto, rubrica dedicata a quelle canzoni ispirate ai miei libri preferiti :-) 

Protagonisti della puntata di oggi sono gli Ahab, gruppo Funeral Doom Metal tedesco che già dal nome lascia intendere l’origine letteraria: “Ahab” infatti è il nome originale di Achab, il folle capitano che dà la caccia a Moby Dick

A oggi tutti i loro album sono ispirati a storie di mare (non a caso la band afferma di suonare Nautik Funeral Doom) e il primo, The Call of the Wretched Sea, è tratto proprio dall'opera di Melville.

continua a leggere

Moby Dick Herman Melville

moby dick, herman melville

Dopo una luuunga “pausa” è il momento di tornare a parlare di libri! 

Uno degli ultimi che ho letto è Moby Dick, romanzo che credo non abbia bisogno di particolari presentazioni: è una di quelle opere che tutti (ma proprio tutti) in qualche modo conoscono (quando ero bambino mio padre me ne raccontava una versione tutta sua, di cui ora però ho solo qualche vaghissimo ricordo). 

Qualche mese fa, “forte” di questi miei ricordi di fanciullo affamato di storie “da grandi”, mi sono avvicinato con (troppo?) entusiasmo a questo classico della letteratura (e chi mi segue da tempo sa bene quanto io adori i classici) ma il risultato è stato… “strano”.

continua a leggere

Si (ri)parte!

si (ri)parte!

There are far, far better things ahead than any we leave behind. 

C.S. Lewis 

Sono passati più di due mesi dal precedente annuncio e finalmente il grande giorno è arrivato: io ed Elisa siamo felici di portare ufficialmente online il nuovo di questo libro e degli altri, completamente rinnovato!

Vediamo tutte le novità :-)

continua a leggere

LOCANDA DELLE FATE live @ Club “Il Giardino” (VR)

locanda delle fate live @ club “il giardino” (vr)

Neanche un anno fa ho iniziato ad approfondire la scena progressive rock italiana degli anni ‘70 e ho scoperto moltissima musica che definire eccezionale è dir poco. Mi riferisco sia a gruppi più famosi, come i Goblin, la Premiata Forneria Marconi o il Banco del Mutuo Soccorso sia a gruppi magari meno noti e di minor successo ma non per questo meno validi come Il Rovescio della Medaglia, i Biglietto per l’inferno o la Locanda delle Fate

Ormai sono passati più di quarant’anni dall’epoca d’oro del progressive rock italiano e mai avrei immaginato di poter assistere a un concerto di uno di questi gruppi storici, tra l’altro uno dei miei preferiti!

continua a leggere

Novità in arrivo :-)

logo jekyll

Obiettivi per il 2017? Uno in particolare: dedicarmi di più al sito! Parlare dei libri che leggo mi piace un sacco e ho alcune idee che vorrei concretizzare, spero solo di trovare il tempo per fare tutto! 

Questo è stato l’obiettivo che a fine 2016 mi sono dato per questo 2017. Come sta andando? A vedere il numero di recensioni pubblicate negli ultimi mesi (solo quattro!) direi non benissimo… Ma le cose presto (?) cambieranno :-)

continua a leggere

Lucernario José Saramago

lucernario, josé saramago

Scritto tra la fine degli anni quaranta e l’inizio dei cinquanta ma pubblicato solo nel 2011, a un anno dalla scomparsa dell’autore, Lucernario è il secondo romanzo di José Saramago. Perduto (o silenziosamente censurato?) dalla casa editrice, è miracolosamente ricomparso solo nel 1999, durante un trasloco. 

A scriverlo fu un Saramago giovanissimo e si vede, la forma infatti è molto diversa da quella a cui ci ha abituato in romanzi come Memoriale del convento o Cecità: la punteggiatura è ancora tutta al suo posto, dialoghi e descrizioni sono ben distinti e mancano le sue caratteristiche “intrusioni” e divagazioni. Nonostante questo Lucernario è comunque un romanzo particolare.

continua a leggere

Cari mostri Stefano Benni

cari mostri, stefano benni

Generalmente sono un grande appassionato di racconti (adoro in particolare le storie brevi di Edgar Allan Poe, P.K. Dick e H.P. Lovecraft) ma Cari mostri non mi ha del tutto convinto. Non che quello di Stefano Benni sia un brutto libro, ho letto di peggio, ma terminata la lettura nella mia testa c’era solo un grande “mah…“ 

Cari mostri lo scelsi un po’ a caso tra vari Feltrinelli in promozione, l’idea era di portare sotto l’ombrellone qualcosa di diverso dal solito (il fatto poi che l’abbia letto solo un mese fa è un dettaglio irrilevante!) Ad attirare la mia attenzione fu lo splendido disegno in copertina, davvero suggestivo e particolare (i colori, le ombre… tutto fantastico!) Peccato che non sia tutto oro quello che luccica…

continua a leggere

Le mille e una notte AA.VV.

le mille e una notte, aa.vv.

Le mille e una notte è un’antica raccolta di racconti le cui prime tracce scritte risalgono addirittura al 900 d.C. Altre storie si svilupparono a partire da questo nucleo centrale, per giungere a una “versione definitiva” solo verso il XV secolo. Nel complesso si tratta di una delle più antiche testimonianze di letteratura araba. 

Molti dei racconti fanno ormai parte dell’immaginario collettivo e in una qualche versione sono già noti ai più (Aladino e la lampada magica, Sindbad il marinaio o la storia di Shahrazād, che fa da cornice narrativa all’intera opera) ma mi allettava l’idea di leggerne la versione originale (anche se risulta difficile stabilire una vera e propria “versione originale” de Le mille e una notte!)

continua a leggere

Alabarde alabarde José Saramago

alabarde alabarde, josé saramago

È possibile, chissà, che magari io scriva un altro libro. 

José Saramago, 15 agosto 2009 

Pubblicato postumo nel 2014, Alabarde alabarde è il libro a cui Saramago stava lavorando prima di morire. 

L’idea alla base di questo romanzo nasce da una domanda che da tempo lo assillava: perché non si è mai avuta notizia di uno sciopero nell’industria degli armamenti? 

Effettivamente è una domanda curiosa e, vedendo ciò a cui Saramago ci ha abituato, sono sicuro che ne sarebbe uscito qualcosa di davvero eccezionale!

continua a leggere

Chi siamo

Foto Alessandro

Alessandro

Programmatore back-end, la lettura e la musica sono le mie passioni. Scrittori preferiti Saramago e Poe, in fissa con Pink Floyd, Opeth, iamthemorning e Schammasch.

Foto Elisa

Elisa

Fotografa per passione, adoro passeggiare in mezza alla natura con la mia reflex e scattare un sacco di foto a luoghi e paesaggi. Oltre che leggere ovviamente!

in lettura

alessandro

elisa

Supportaci

Ti senti generoso/a? Offrici un caffè oppure fai i tuoi acquisti su Amazon partendo da un nostro link!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.